Bandi aperti sulla sicurezza alimentare

Si può partecipare ai bandi aperti sulla sicurezza alimentare. Si tratta di un programma tematico previsto nel quadro dello strumento per la cooperazione Dci che viene attuato attraverso bandi per singoli paesi, gestiti dalle delegazioni della Commissione attive in tali paesi.

Per il Chad ad esempio è aperto un bando che cofinanzia progetti di rinforzo per la sicurezza alimentare (rif. ID EuropeAid/133463/L/Act/Td) con un budget di 14 milioni e mezzo di euro; mentre per il Burundi è aperto un bando per un programma di sicurezza alimentare e nutrizionale (rif. Pro-Sa-Nut; ID-EuropeAid/132679/M/Act/BI) con un importo totale di cinque milioni e 400mila euro. Sulla sicurezza e sul brokeraggio assicurativo anche nel settore salute il Gruppo Gpa è membro fondatore e rappresentante esclusivo per l’Italia di Assurex Global, il più importante network internazionale ed europeo di broker indipendenti per cifra di affari intermediati. «È importante,» dice il dott Umberto Occhipinti, amministratore delegato del Gruppo Gpa (www.gruppogpa.it) «essere in grado di assistere sempre e ovunque; intervenire in tempo reale e in modo coordinato e noi lo facciamo in 118 paesi con oltre cinquecento uffici attraverso la propria rete di corrispondenti e partner e grazie alla propria esperienza ultradecennale in campo internazionale ed europeo». Anche il brokeraggio assicurativo si è evoluto nei paesi comunitari e richiede in vari ambiti progetti per l’identificazione dei problemi locali e realizzazione di soluzioni personalizzate; qualità del servizio, prestato da un responsabile e da una équipe dedicata; risorse umane in grado di dialogare nelle diverse lingue; conoscenza della cultura imprenditoriale e dei programmi europei e internazionali. Tra le novità si segnala che a Milano vengono presentati i risultati del progetto europeo Nutrimenthe in occasione della manifestazione MilanoPediatria (www.milanopediatria.it). È un progetto di ricerca del Settimo programma quadro comunitario che evidenzia l’importanza della sicurezza alimentare e del ruolo della dieta per le performance mentali e che coinvolge diciannove centri di ricerca e università europee ed è coordinato dall’Università di Granada in Spagna. Inoltre è attivo il Global Recalls Portal, ovvero il nuovo portale sviluppato dall’Unione europea e dai paesi dell’Ocse, tra cui Stati Uniti, Australia e Canada, per far sapere quali prodotti non rispettano i parametri richiesti per la sicurezza dei consumatori. Il portale consente alle autorità di tutto il mondo di scambiare informazioni regolarmente aggiornate sui prodotti ritenuti non sicuri o pericolosi. Con un volume previsto di tremila avvisi di richiami all’anno, consumatori, imprese e autorità avranno un facile accesso a un consistente bacino di informazioni sui prodotti che non hanno rispettato i parametri richiesti e che sono stati considerati non completamente sicuri da Unione europea, Usa, Canada e Australia. Anche le imprese potranno così migliorare il monitoraggio dei rischi emergenti da tutto il mondo e conseguentemente muoversi rapidamente per affrontarli, mentre le autorità nazionali saranno facilitate nel ritirare i prodotti segnalati dal mercato, tutelando al meglio i cittadini.

A chi rivolgersi: ec.europa.eu/europeaid/index_it.htm

I commenti sono chiusi.